Le ali della fantasia

Fantasia : facoltà della mente umana di interpretare liberamente i dati forniti dall’esperienza, o di rappresentare contenuti inesistenti in immagini sensibili.

Questa è la definizione che dà il vocabolario Zingarelli.

Lasciando stare i formalismi, quello che mi interessa della fantasia è la sua utilità: è comoda per dare un po’ di colore alle giornate grige ed aiuta a resistere alla noia della quotidianità.

Grazie alla fantasia si può viaggiare sognando ad occhi aperti o immaginare mille diversi modi per distruggere il problema di turno.

La cosa interessante è che, nonostante ci voglia un po’ di allenamento per renderla più fervida, una volta fattasi l’abitudine la fantasia si attiva da sola, e nei momenti più impensabili, riuscendoti a strappare un sorriso.

Sacchetto di una focaccia, con la scritta "resistente ai grassi"Ed è per questo che quando decido in pausa pranzo di mangiarmi una focaccia mi viene da ridere leggendo sul sacchetto “realizzato con carta speciale resistente ai grassi“. Nella mia testa compare infatti una immagine di Homer Simpson che litiga col sacchetto perché non ce la fa ad aprirlo. Nonostante tenti tutto il possibile per strappare la carta, ora con le mani, ora con i denti, questa è troppo resistente ai grassi, quindi non riesce a guadagnare la tanto agognata focaccia fin quando non arriva Marge che con un semplice gesto apre il pacchetto per lui.

Oppure, pochi giorni fa ho trovato in un negozietto una gomma per cancellare formato XXL con scritto sopra “per grossi errori“. Passato l’irresistibile desiderio compulsivo di comprarla, superata la sconsolazione del dire “tanto non era comunque abbastanza grande“, nella mia testa mi sono visto un uomo in scooter, con una gomma gigante in spalla fermato da un poliziotto:

— Ma cosa fa con quella gomma? Mi intralcia il traffico!
— Devo cancellare un errore grande, mi ci vuole una gomma grande!
— Ma non ci vuole una gomma grande, ma una grande gomma.

Ed ovviamente la grande gomma era la, tanto agognata dai ragazzi degli anni ’80, Pelikan carro-armato.

Come chiusura, per chi è nato troppo tardi o ha la memoria troppo corta e non ha capito il riferimento dell’ultimo discorso, consiglio la visione di questo video 🙂

2 pensieri su “Le ali della fantasia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*