Singapore, il ritorno

SingaporeEd è così che, cavalcando la mia foglia, sono tornato a Singapore. Nonostante sia la stessa città di tante passate esperienze, questa volta sono a lavorare in un altro quartiere, con altri colleghi, in un’università diversa.

Ovviamente molte cose sono simili: la mia memoria ha ripescato facilmente informazioni utili quali le fermate principali della metropolitana e la burocrazia da svolgere per ottenere il visto una volta arrivati; ma ci sono anche tante cose diverse. Innanzitutto questa è una città frenetica: anche solo passando per le strade si notano piccoli e grandi cambiamenti, da negozi chiusi a centri commerciali aperti.

Non so di preciso cosa aspettarmi da questo viaggio: di sicuro mi farà bene cambiare aria per un po’, uscire dagli schemi che troppo spesso si sedimentano pesantemente nelle nostre abitudini. Purtroppo però non sarà una scoperta continua come l’anno scorso, visto che a molte cose mi ero già abituato ed ora mi sto riabituando in fretta. Confido comunque che possa essere costellato da tante piccole riscoperte giornaliere e approfondimenti di tutti quei dettagli (più o meno grandi) che mi ero perso.

Spero, infine, che questo giro possa portarmi molto materiale per questo sito, che ha accusato un brusco calo di contenuti durante i mesi invernali, in modo da ridare un po’ di brio alle pubblicazioni aggiungendo una buona dose di curiosità 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*